La Storia

Nel comune di Stignano, terra del filosofo Tommaso Campanella, alta e prospiciente sullo Ionio, Villa Caristo, proprietà della famiglia Caristo, che ha il merito di averla salvata da sicura rovina, e' l'esempio piu' significativo dell'arte barocca in Calabria. La leggenda vuole che Villa Caristo sia stata edificata sulle rovine di una villa di epoca romana appartenuta al patrizio romano Stenius da cui sarebbe poi derivato il nome dell'attuale Stignano.        Finora non sono stati eseguiti studi e ricerche approfonditi  per conoscere l'architetto che progettò e realizzò questo magnifico palazzo e il parco circostante,veri ed unici gioielli che richiamano per stile, ricchezze ornamentali ed eleganza, le ville vesuviane. Secondo l'opinione più accreditata infatti, tale villa sarebbe da attribuire ad epigoni del Vanvitelli o del Sanfelice o del Vaccaro, che la idearono, spronati dal fervore edilizio avvenuto nel napoletano durante il periodo borbonico. Col trascorrere degli anni, oltre all'insulto del tempo, la villa subì gravi ed irreparabili spoliazioni: a ragion veduta si calcola che circa un centinaio di statue di marmo di Paros furono sottratte furtivamente per abbellire ville signorili del vicinato. La deliziosa fontana dei delfini, in fondo al belvedere straordinariamente elegante nel suo impianto semplicistico, fa ricordare la statua di Leda e il Cigno collocata nella fontana allegorica di Villa Signorino a Ercolano, di attribuzione Vaccariana. La facciata della villa, costituita da un'imponente costruzione a due piani, accoglie una scala a 'tenaglia', elemento presente anche nella villa del principe Spinelli di Tarsia, eseguita dal Vaccaro. Ai piedi della scala, centralmente, vi e' il gruppo marmoreo raffigurante Tancredi che battezza Clorinda morente (canto XII della Gerusalemme Liberata), unico in Italia e nel Mondo. Lo stesso Prof. Carlo Giulio Argan aveva escluso l'esistenza di figure plastiche riconducibili al poema del Tasso. La villa per la fine bellezza e unicita', fu prescelta accanto alla Regia di Stupinigi, alla Villa dei principi Mellone di Lecce e al palazzo Doria Pamphili di Genova per la serie filatelica 'Le ville D'Italia' emessa dalle Poste Italiane nel 1984. Per i piu' interessati ai cenni storici e' stato realizzato un libro inedito dal titolo 'Villa Caristo' disponibile presso il desk della Villa.          La Villa suddetta, un esempio piu' unico che raro, fu definita dal Frangipane, critico d'arte calabrese, 'la piu' bella e la piu' architettonica della regione, degna dei dintorni di Napoli, come di Torino settecentesca e di Catania barocca'.

 

joomla template 1.6
template joomla